Appesa

<<Guardai i panni stesi di Sonia, sulla terrazza di ruggine e sabbia. Saranno stati lì da settimane.
Nelle pieghe del vestito blu con le perle bianche e un bottone nero, il vento aveva disegnato il suo passaggio e sulle coperte per l’inverno sembrava aver riposato per qualche giorno.
Mi resi conto che la mia vita era come quei panni: appesa.
Ma senza quello stesso vestito blu, quel piumone sporco e quella tovaglia umida, quella terrazza non mi avrebbe mai fatto pensare a Sonia, alle sue tele nascoste sotto le lenzuola bianche, al suo disordine disperato, alle formiche sulla tavola, ai suoi cd di fisarmoniche e flauti.
Quella terrazza, senza quel tempo in attesa, avrebbe avuto solo quel sapore insipido di ruggine e sabbia.>>

Aurora G.

13147789_10209232401307639_2447538153123525456_o

Lascia un commento