Cercare, cercare, cercare…

WP_20161218_17_19_18_Pro.jpg

Succede quando mi perdo tra le piante e il respiro della terra. Mi sembra di intuire qualcosa in più, a volte.

Al di là di mille congetture, supposizioni, discorsi tramandati, modellati e ricuciti, formule magiche per la garanzia di un’esistenza ulteriore, libri che ti appaiono familiari, storie di genesi e opposizioni.

Storie, sulle quali, nessuno potrà mai avere un’esperienza diretta.

Al di là della paura di morire o di non vivere abbastanza pienamente.

Al di là del dolore, quello che ti fa rinnegare la vita fino a quando non è abbastanza da risvegliarti.

Accade che, osservando e osservando, senza dare un nome a ciò che vedo, mi ritrovi in quelle piante e in quel respiro.

Sono vive.

Siamo vivi.

Unici nella nostra forma, connessi gli uni agli altri dalle stesse radici.

Con tante domande e risposte buone, come queste piante che si flettono insieme e vivono in pace, al centro di una valle sperduta di fronte al mare, senza altri visitatori che il vento e una ragazza strana, di quelle che continuano a cercare, e cercare, e cercare…

Esprimono se stesse con tutto ciò che hanno.

Conoscono quello che sono e lo manifestano.

Semplicemente sono ciò che sono.

Aurora G.

 

 

Lascia un commento