La rotta del cuore

DSCF3283

 

Lo riconobbe dalle spalle grandi che oscuravano il cielo, sanguinante di vita.

Era lì, in piedi, con la bussola tra le mani e lo sguardo vetroso di ninfe e satiri, Gorgoni e Tritoni. Aveva rischiato tanto, il vecchio, forse troppo per ricordare la paura.

<<Già sveglio, mio Capitano?>>

<<Le navi non sono fatte per i porti.>>

<<Ma non possiamo aspettare ancora?>>

<<Il vento è cambiato. L’acqua è uno specchio. Sei pronta, ormai.>>

<<Ma dove andremo, questa volta? Dammi una rotta da seguire, un sogno da realizzare, un nuovo oceano da esplorare.>>

Scosse la testa e la guardò con estrema dolcezza.

<<Abbiamo seguito il sole e ora non ti brucia neanche gli occhi. Abbiamo tanto adorato la luna che ora puoi disegnarla in te. E abbiamo abbracciato l’oscurità e ora sei in grado di amarla senza chiedere nulla in cambio. Ci manca solo una rotta da seguire.>>

<<E quale?>>

Chiese intimorita.

<<Quella del cuore.>>

<<E dove porta la rotta del cuore?>>

<<Non posso indicarti dove porta. Dipende solo da te. Ma possa dirti dove non ti porta. Non ti porta al dolore. Non ti porta all’egoismo. E, soprattutto, non ti porta a una ricompensa.>>

<<E perché dovrei seguirla, allora?>>

<<Perché non puoi nasconderti per sempre. Perché quella rotta sei tu. E adesso, mai come prima d’ora, sai che quella rotta sei tu.>>

La vide contrita e impaurita. Rassegnata alla sua natura mortale e banale.

<<E allora ti dico questo, se non ti pare abbastanza. Questa rotta non sbaglia. Non sbaglia mai.>>

Una lacrima, così, scivolò su un sorriso che si allargava verso il calore di una nuova alba.

Aurora G.

Lascia un commento